I musei della Valmarecchia

Home  /  Uncategorized  /  I musei della Valmarecchia

On Novembre 25, 2021, Posted by , In Uncategorized, With No Comments

La Valmarecchia può vantare una serie di importanti musei nel suo territorio. Tra questi c’è sicuramente il museo civico archeologico di Verucchio, dove è conservata una tra le più rilevanti collezioni di oggetti provenienti da tombe villanoviane-etrusche del territorio verucchiese, risalenti al periodo compreso tra i secoli X-VI a.C.

Tra oggetti di uso quotidiano e preziosi corredi, spicca il trono in legno con figure scolpite.

Altro museo di grande interesse è senz’altro il Musas di Santarcangelo, nato nel 2005 per custodire e valorizzare il patrimonio archeologico della città e del territorio: oltre a reperti archeologici, si trovano pregevoli opere d’arte, tra le quali spicca il polittico trecentesco di Jacobello di Bonomo.

Rimanendo a Santarcangelo, vale la pena visitare la Stamperia artigianale Marchi, tra le più antiche di Romagna, risalente al 1633: qui si trova l’antico mangano, l’unico rimasto al mondo, per la stiratura dei tessuti, che ancora oggi vengono prodotti e stampati.

Particolarmente significativo è il Sulphur, museo storico minerario di Perticara, uno dei primi esempi di archeologia industriale in Italia.

Il percorso museale si svolge attraverso l’ex centrale elettrica, la sala compressori, la lampisteria, in un continuo approfondimento dell’attività mineraria che ha caratterizzato per secoli la vita lavorativa di Perticara.

Tra i musei più originali della Valmarecchia c’è sicuramente il museo delle Fiabe di Sant’Agata Feltria, ospitato nelle stanze della splendida Rocca Fregoso.

Si tratta di un luogo unico, non solo per i più piccoli, dove vengono presentati momenti topici del mondo fiabesco, attraverso videoproiettori.

A Pennabilli si trova il museo diffuso “I luoghi dell’anima”, che presenta diversi punti di interesse legati a Tonino Guerra:

  • L’orto dei frutti dimenticati
  • Il rifugio delle Madonne abbandonate
  • La strada delle Meridiane
  • L’angelo coi baffi
  • Il santuario dei pensieri

Altro museo che vi consigliamo di visitare è sicuramente il museo della fortezza all’interno della fortezza di San Leo, che conserva una importante collezione di armi antiche e moderne.

Per gli amanti dell’arte contemporanea, consigliamo il museo Gualtieri, che conserva 50 opere del maestro di origine talamellese.

Di grande importanza anche i musei che si trovano a Rimini: dal neonato Fellini museum che si sviluppa in tre sedi (castel sismondo, palazzo Fulgor e piazza dei Sogni), al museo della città dove si trovano reperti che vanno dall’epoca romana al XX secolo. Di grande importanza i reperti della vicina domus del chirurgo, edificio di età repubblicana, nella quale è stata rinvenuta la più importante collezione di strumenti chirurgici romani al mondo. Per gli amanti dell’arte contemporanea è consigliabile la visita al Part (palazzi dell’arte Rimini), museo nato dalla collaborazione tra il comune di Rimini e San Patrignano: si tratta di una collezione di oltre 60 pezzi, di alcuni dei più importanti artisti contemporanei, che hanno donato le loro opere a San Patrignano.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.